Skip to content Skip to footer

Venezia, la città galleggiante sulla laguna

Cosa vedere a Venezia in 1 giorno

Unica nel mondo, estremamente romantica, gremita di scorci e battuta spesso da un turismo incontrollato e selvaggio, Venezia è la città dei calli e dei campielli, dei palazzi storici e opulenti, dei ponti, dei canali, delle gondole e delle maschere che sfilano durante il suo famoso carnevale.

Ho perso il conto delle volte in cui ho avuto modo di visitare questa splendida città senza tempo, più volte in occasione della Biennale e sempre con un tempo atmosferico differente: sole, pioggia, fitta nebbia. Venezia, in ogni occasione, regala comunque una visione di sé sempre differente e sempre nuovamente affascinante.

Questo è il racconto di un itinerario di un solo giorno a Venezia, ma sono fermamente convinta che la città meriti una visita più prolungata o, come nel mio caso, più visite in differenti giorni, in modo da potersi allontanare dai percorsi più battuti, per scoprire angoli e luoghi meno conosciuti, ma altrettanto belli.

Itinerario di 1 giorno

Partiti da Milano con il treno, arriviamo presso la stazione di Venezia Santa Lucia nelle prime ore del mattino dove, appena fuori, vediamo ergersi la Chiesa dei Santi Simeone e Giuda, meglio conosciuta con il nome di San Simeon Piccolo. La costruzione, ispirata al Pantheon di Roma, si erge imponente sulle sponde del Canal Grande, proprio di fronte alla stazione, con il suo inconfondibile cupolone verde, sormontato dalla statua del Cristo Redentore. A pochi passi ci imbattiamo invece nella Chiesa di Santa Maria di Nazareth, o Chiesa degli Scalzi, rilevante esempio di tardo barocco veneziano. Ci troviamo praticamente sulle sponde del Canal Grande, il canale principale che attraversa l’intera città con la sua forma a S e dove si specchiano gli antichi palazzi affacciati sulla riva.

Decidiamo, data la vicinanza alla stazione, di visitare prima il Ghetto Ebraico con le sue sinagoghe e le casetorri, per poi proseguire verso il Museo Peggy Guggenhein, pregevole collezione di opere tra cui spiccano gli splendidi lavori di Picasso, Kandinskij, Magritte, De Chirico, Boccioni, Dalì (da esplorare anche il suo giardino). Assolutamente consigliato. Ormai intorno all’ora di pranzo, attraversiamo il Ponte dell’Accademia e Campo Santo Stefano per raggiungere Piazza San Marco, cuore pulsante della città e unica vera e propria piazza. Su di essa si affacciano alcuni degli edifici più importanti come la Torre dell’Orologio, il Campanile di San Marco, la Basilica e il Palazzo Ducale. Decidiamo di salire prima sul Campanile per godere di una splendida vista sulla città e sulla sua laguna a 99 metri di altezza, e poi di visitare gli scenografici interni della Basilica di San Marco, un connubio eccellente di cultura romana, bizantina e veneziana e ponte tra Oriente e Occidente (facendo però un po’ di fila).

A pochi passi dalla piazza visitiamo il suggestivo Ponte dei Sospiri che collega il Palazzo Ducale con il Palazzo delle Prigioni. Una vista davvero bella, ma molto affollata. Facciamo poi un piccolo salto indietro per raggiungere la Scala Contarini del Bovolo, celata all’interno di una piccola corte con la sua forma a chiocciola.

Ormai nel pomeriggio, proseguiamo verso il Ponte di Rialto, coperto da arcate e gremito di turisti che basculano tra un negozietto e l’altro, sospesi sul Canal Grande. Chicca della giornata è la visita alla Libreria Acqua Alta, a pochi passi dalla piazza, in un piccolo vicolo che ospita antichi testi, oggetti e, ovviamente, acqua alta. Ci perdiamo poi tra i calli della città e tra i bellissimi scorci illuminati dalla luce dorata del sole pomeridiano dove, tra un palazzo e l’altro, si stendono ancora i panni al sole.

Ci imbattiamo poi in Ca’ Pesaro, palazzo tardo-rinascimentale affacciato sul Canal Grande, e in Ca’ d’Oro, dall’inconfondibile stile gotico veneziano. Ultima tappa prima del rientro verso la stazione è Calle Varisco, la strada più stretta di Venezia, larga appena 53 cm.

Giunti alla stazione, prendiamo il nostro treno in direzione Milano Centrale.

Altri posti da vedere durante una visita di più giorni:

– le Gallerie dell’Accademia che ospitano la più ricca collezione di dipinti veneziani e veneti

– la Basilica dei Frari dove sono seppelliti Canova e Tiziano

– la Scuola Grande di San Rocco

– il mercato di Rialto

– lo Squero di San Trovaso, cantiere navale della città

– l’Arsenale di Venezia, antico complesso di cantieri navali e officine

– la Punta della Dogana

– una gita a Burano e Murano