Skip to content Skip to footer

Il Santuario della Madonna della Corona

Come raggiungere il Santuario incastonato nella roccia

Il Santuario della Madonna della Corona, incastonato nella roccia, è una meraviglia assolutamente da visitare per la particolarità della sua scenografica collocazione, immerso nella natura a 774 m sul livello del mare e circondato dai monti.

Partiti da Milano in moto, poco dopo più di due ore, si giunge presso Ferrara di Monte Baldo, località Spiazzi, in provincia di Verona (se si è scelto di fare questo percorso).

Ci sono infatti due modi per raggiungere il Santuario. Il primo sentiero, conosciuto come il Sentiero della Speranza, parte dal paese di Brentino Belluno e attraversa il bosco con un dislivello di 600 m e circa 2 ore di cammino. Proseguendo lungo un percorso fatto di tornanti fino ad una croce di cemento, ci si incammina poi su una gradinata a zig zag tra paesaggi spettacolari e bellissimi scorci. Dopo aver attraversato una grotta, oltrepassato il ponte, ci si trova alla base del Santuario che sembra aggrappato alla roccia. Un’ultima gradinata da compiere separa la facciata e il suo interno, dove la parete sinistra e l’abside sono costituiti anch’essi dalla parete rocciosa della montagna. Veramente un posto unico.

Il secondo sentiero, più breve, parte dalla località Spiazzi. Lasciato il mezzo nel parcheggio davanti al centro informazioni, si percorre una strada segnalata che in circa 20 minuti porta al Santuario. La strada è per lo più asfaltata e porta direttamente nella galleria che precede il Santuario (lungo il percorso si può scegliere se percorrere la strada o salire lungo una scalinata). Anche questo percorso più breve offre dei meravigliosi scorci.

È disponibile anche un servizio navetta in partenza da Spiazzi.

La chiesa, risalente al 1530, e che originariamente era un luogo che ospitava un eremo, è aperta tutto l’anno:

Novembre – Marzo: dalle ore 8.00 alle ore 18.00

Aprile – Ottobre: dalle ore 7.00 alle ore 19.30